diventa uno di noi

Vai alla pagina ICE

Vai al sito nazionale

visita il sito regionale

scopri il nostro magazine

I NOSTRI PARTNERS


Partner di CRI Spoltore







Weather Underground PWS IPESCARA3

Scrivici


Visite totali:


Statistiche di oggi:

Comitato

Ciao Maria Grazia…

In un caldo giorno siciliano di fine agosto, silenziosamente, improvvisamente e inaspettatamente la nostra Maria Grazia D’Onofrio è andata via lasciando tutti noi increduli e smarriti. “La vita è un brivido che vola via”, ripeteva spesso sorridendo, con quella delicatezza che tutti noi avevamo apprezzato sin dal primo momento. Una donna, una mamma, una volontaria di Croce Rossa che avrebbe potuto regalare ancora tanto di se e che invece lascia un vuoto incolmabile in quanti l‘hanno conosciuta e le hanno voluto bene.
Il presidente Parisi, il Consiglio direttivo e tutti i volontari del Comitato di Spoltore della CRI si stringono in un abbraccio affettuoso ai familiari di Maria Grazia, partecipando commossi al loro straziante dolore.
Un particolare ringraziamento al presidente e ai volontari di CRI Catania per il sostegno e l’aiuto che immediatamente hanno offerto in questo triste momento.

False accuse e fake news, la condanna della Croce Rossa Italiana

Rilanciamo un articolo pubblicato dal sito nazionale della Croce Rossa Italiana:

Nelle ultime ore, attraverso profili facebook privati che se ne attribuiscono la proprietà, è tornato a circolare un video del 2011, che nel corso degli ultimi due anni, complice la capacità moltiplicatrice dei social network e la diffusione di fake news, spunta fuori periodicamente e mostra un uso illegittimo dell’emblema del Comitato Internazionale della Croce Rossa su alcune casse che contengono denaro contante. Già lo scorso gennaio, il CICR specificò con estrema chiarezza che “Il Comitato non ha nulla a che fare con lo stoccaggio o il trasporto di denaro che viene contestato attraverso il video e condanniamo con forza l’abuso perpetrato ai danni del nostro nome e del nostro logo”.

Questo utilizzo improprio dell’emblema nel video è un pericoloso abuso del nome del CICR e del particolare significato e scopo dell’emblema della Croce Rossa, che è segno visibile della protezione garantita alle vittime dei conflitti armati dalle Convenzioni di Ginevra. Il video, privo di qualsiasi elemento di autenticità e contestualizzazione, alimenta false teorie di cospirazione, come il riciclaggio di denaro, che arrecano un grave danno alla reputazione costruita dall’organizzazione.

Anche se non siamo a conoscenza di incidenti legati alla diffusione del video – prosegue il CICR nel suo comunicato dello scorso gennaio – siamo preoccupati per l’impatto che un abuso così palese potrebbe avere sulla sicurezza del nostro staff impegnato in attività in diversi Paesi, dove la fiducia di tutte le parti è essenziale per la protezione dei nostri operatori e per indirizzare efficacemente la nostra azione umanitaria verso coloro che ne hanno bisogno”.

In un momento storico in cui si fa un gran parlare di fake news e utilizzo responsabile dei social network, contribuire alla diffusione periodica di simili falsi, oltre a non controllare fonti e provenienze di dubbia affidabilità, comporta non solo il divenire parte di un circuito para-informativo malato e morboso ma, nel caso della Croce Rossa, potrebbe addirittura mettere a rischio l’incolumità dei tanti volontari e operatori impegnati ogni giorno in teatri di conflitti a sostegno dei più vulnerabili.

Anche quest’anno migliaia di fiaccole a Solferino

“È stato un anno speciale in cui abbiamo vissuto momenti significativi. Il mio pensiero commosso e sentito va ai volontari e operatori morti nelle missioni umanitarie e a chi ci ha lasciato, come il presidente della CRI di Brugherio Alessio Messina. Un saluto anche ai rappresentanti delle Società Nazionali delle due Coree, paesi che finalmente sono tornati a parlarsi: anche in questo caso noi siamo creatori di ponti. Ecco perché c’è rabto bisogno della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa”. Così Francesco Rocca, presidente della CRI e della IFRC da Piazza Castello a Solferino in apertura della storica fiaccolata.

Migliaia i volontari giunti da ogni parte d’Italia e numerose le delegazioni straniere; tutti insieme hanno ricreato il suggestivo “serpentone” di fiaccole accese lungo la stessa strada che 159 anni fa Henry Dunant percorse insieme alle donne di Castiglione al grido di “tutti fratelli”, per portare soccorso e conforto alla moltitudine di feriti lasciati sul campo da una sanguinosissima battaglia.

Anche la Croce Rossa di Spoltore presente come sempre a questo evento con una delegazione di 10 volontari, guidati dal vicepresidente Franco Probi, che hanno così rappresentato l’intero Comitato.

Elhady As Sy, segretario generale della Federazione Internazionale, ha parlato di Solferino come simbolo di umanità, diversità, impegno e passione di tutti i volontari.

Prima della partenza il presidente Rocca ha ricevuto in dono dal vicepresidente della Croce Rossa Cinese, Guo Changjiang, la prima di 100 biciclette che saranno distribuite ai Comitati di tutta Italia.

 

Solidarietà alla Croce Rossa di Pescara

In queste ore di grande incertezza e preoccupazione tutti noi della Croce Rossa di Spoltore sentiamo forte il dovere di vicinanza e solidarietà ai colleghi del Comitato CRI di Pescara e al loro presidente Fabio Nieddu. Le sciagurate precedenti gestioni del Comitato pescarese e la miopia di amministratori locali non possono recare danno ad una intera comunità. Qualora venisse confermato l’ordine di sfratto dalla sede di via Avezzano si metterebbe a rischio il lavoro preziosissimo di centinaia di volontari per un’intera città.
Il presidente, il consiglio direttivo e i volontari della Croce Rossa di Spoltore esprimono piena solidarietà e sostegno ai colleghi della Croce Rossa Italiana Comitato di Pescara, auspicando una soluzione concreta in tempi brevi.

Le ultime modifiche regolamentari deliberate dalla CRI

Il Consiglio Direttivo Nazionale della Croce Rossa Italiana, riunitosi lo scorso 10 Marzo a Roma, ha deliberato significative modificazioni ad alcuni regolamenti in essere e che riguardano il conferimento di onorificenze, il Codice etico e i provvedimenti disciplinari, nonché la istituzione di nuovi Comitati CRI e l’organizzazione e ordinamento dei Volontari. Il Consiglio Direttivo Nazionale CRI ha inoltre deliberato il nuovo Regolamento sulla partecipazione dei Comitati CRI a consorzi, imprese sociali ed associazioni temporanee. Il testo di quest’ultimo regolamento (insieme a tutti gli altri) è scaricabile in pdf dalla nostra area Download.

Continua a leggere