diventa uno di noi

Vai alla pagina ICE

Vai al sito nazionale

visita il sito regionale

scopri il nostro magazine

I NOSTRI PARTNERS


Partner di CRI Spoltore







Weather Underground PWS IPESCARA3

Scrivici


Visite totali:


Statistiche di oggi:

Salute

“Eyes on the Road”: i Giovani CRI per la sicurezza stradale.

Domenica 18 novembre i Giovani CRI della Croce Rossa Italiana – Comitato di Spoltore hanno celebrato la Giornata Mondiale in ricordo delle Vittime della Strada, con un’attività di sensibilizzazione presso il Centro Commerciale L’Arca.
“Eyes on the road” è stata l’occasione per riflettere ancora una volta sul costante e inarrestabile aumento dei morti sulla strada. I nostri giovani hanno proposto alla popolazione di tutte le età simulazioni di guida in stato di ebrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, grazie all’utilizzo di appositi software e di speciali occhiali.
E’ appena il caso di ricordare che in Italia, secondo l’Istat, nel 2017 a causa di incidenti stradali ci sono stati 3.378 decessi, contro i 3.283 del 2016. I feriti sono stati 246.750. Questo testimonia come i mezzi di locomozione siano potenziali armi letali. Ancora più preoccupanti, però, sono i dati relativi all’inizio del 2018, secondo cui i morti sulle strade sono aumentati del 20%.

Istituito “telefono amico” per emergenza caldo

Croce Rossa Italiana Comitato di Spoltore ha predisposto un “telefono amico” per il periodo che si prevede più caldo della stagione estiva.
Il servizio completamente gratuito sarà attivo nei giorni feriali dal 1° al 14 agosto, dalle ore 9 alle ore 17, prioritariamente rivolto ad anziani, a persone con disabilita’ o con malattie croniche per le quali è decisamente controindicato uscire con le alte temperature.
Chiamando il numero CRI 329.0436306 sarà possibile contattare i nostri volontari negli orari indicati e prenotare un intervento per la richiesta o il ritiro di farmaci urgenti e/o salvavita, ricette mediche urgenti o anche una piccola spesa per pranzo/cena…
Croce Rossa di Spoltore resta a disposizione della propria comunità per qualsiasi emergenza e raccomanda tuttavia di prevenire per quanto possibile eventuali rischi da colpi di calore:
– evitate di uscire nelle ore più calde della giornata (almeno dalle 10 alle 18);
– indossate indumenti leggeri di tessuti naturali (cotone e lino);
– bevete molta acqua (almeno 2 litri al giorno) ed evitate alcolici;
– fate spuntini leggeri durante la giornata preferendo frutta, verdure e pesce.

Centro L’Arca “cardioprotetto” grazie a CRI Spoltore

Il Centro Commerciale L’Arca è diventato “cardioprotetto” grazie al fattivo contributo del Comitato di Spoltore della Croce Rossa Italiana che ha donato un defibrillatore automatico esterno (DAE) alloggiato in un’apposita teca, in posizione centralissima rispetto alla struttura e a disposizione di tutta l’utenza. L’iniziativa è il doppio risultato sia dell’impegno di tutti i volontari di Croce Rossa che della stretta collaborazione tra L’Arca e la CRI di Spoltore che all’interno del Centro ha anche una postazione operativa di ambulanze inserite nel sistema di soccorso 118.
Sabato 15 aprile si è tenuta la cerimonia di consegna del DAE presenti il presidente del Comitato CRI Pierluigi Parisi, il direttore del Centro Commerciale L’Arca Paolo Palombo e il vicepresidente regionale della CRI Abruzzo Pierpaolo Esposito.
Il nuovo defibrillatore potrà essere utilizzato, in caso di necessità sia dal personale di Croce Rossa che dal personale del Centro Commerciale appositamente formato al Bls-D grazie alla sinergia con il Suem 118 di Pescara.
Avere a disposizione in tempi rapidissimi un Defibrillatore automatico soprattutto in luoghi molto frequentati è fondamentale: in caso di arresto cardiaco un DAE può fare la differenza e salvare una vita umana. Si tenga presente che le possibilità di salvare una persona in arresto cardio-respiratorio, con il conseguente danneggiamento del cervello, calano del 10% ogni minuto perso. Dopo 4 minuti di assenza di ossigeno al cervello si va incontro a danni cerebrali in molti casi reversibili; dai 6 minuti in poi i danni diventano irreversibili.
Di qui l’importanza dell’installazione presso il Centro L’Arca, come hanno sottolineato il presidente Parisi e il direttore Palombo: un presidio di sicurezza per tutti, sperando sempre che il suo utilizzo non sia mai necessario.

Dormire troppo può essere un problema per la salute

Si sa che dormire poco fa male perché favorisce, tra gli altri, depressione, aumento di peso ed ipertensione. All’opposto, tuttavia, anche esagerare con le ore di sonno può essere un problema per la salute. Infatti i risultati di uno studio della Scuola di Medicina di Boston pubblicato recentemente su “Neurology” ci dicono che per gli adulti che dormono più di 9 ore sono doppi i rischi di sviluppare una malattia neurodegenerativa in 10 anni. La notizia, rilanciata dall’Agenzia Adn-Kronos, non si riferisce ad un’abitudine o una scelta personali, quanto di un bisogno fisiologico che è “spia” di un rischio.
Lo studio suggerisce, quasi banalmente, che una buona nottata di sonno è un vero toccasana per la salute. Ma a condizione che non si superino le 9 ore; i dati esaminati indicano che il volume cerebrale di chi dorme molto è minore rispetto a quello delle persone che riposano normalmente. Ed è proprio il volume ridotto ad essere associato ai rischi cognitivi. Per questo la durata del sonno può essere un eccellente indicatore clinico, secondo i ricercatori americani, per individuare i pazienti a rischio demenza.

La CRI Susa organizza un Corso ALS per medici e infermieri

formazione_criIl Comitato di Susa della Croce Rossa Italiana, in provincia di Torino, nella sua qualità di agenzia formativa, organizza un corso di formazione ASL (Advanced Life Support) destinato esclusivamente ai sanitari – medici ed infermieri – soci della CRI.
Il Corso, della durata di 20 ore (teoria + pratica) si svolgerà il 29 e 30 Aprile 2017 presso il Polo Logistico CRI di Bussoleno ed il costo complessivo è fissato in € 350,00 (IVA esente) comprensivo del testo formativo.
Advance Life Support è sostegno avanzato alle funzioni vitali e comprende manovre e procedure finalizzate al trattamento sia dell’arresto cardiaco che delle situazioni di “periarresto”, come le aritmie, l’infarto, le alterazioni elettrolitiche, squilibri acido-base. Nell’arresto cardiaco l’ASL rappresenta la prosecuzione dei soccorsi iniziati con il BLSD e viene effettuati da operatori sanitari avanzati (medici e infermieri).
Ai partecipanti che supererannola prova finale verrà rilasciato un Certificati di Esecutore ALS valido 5 anni.

CORSO ALS – INFO E MODULO ISCRIZIONE